Fondazione Bevilacqua La Masa

Contenuto della pagina

Voyager Zero

 

Voyager è una sonda spaziale che viaggia nel sistema solare esterno
Voyager è nello spazio dal 1977 Voyager custodisce un disco placcato in oro contenente immagini e suoni della Terra
Voyager cerca e aspetta incontri ravvicinati con l'ignoto
Voyager è attualmente l'oggetto costruito dall'uomo più distante dalla Terra
Voyager interromperà le comunicazioni con la terra entro il 2016
Voyager è un programma televisivo italiano d'intrattenimento
Voyager è esibizionismo Voyager è un atto politico
Voyager è una avanguardia Voyager è alla deriva
Voyager è concepito per qualunque forma extraterrestre che lo possa trovare
Voyager è concepito per qualunque forma di vita umana futura che lo possa ritrovare
Voyager è l'esempio supremo di scrittura per l'alterità
Voyager è uno specchio Voyager è un'enigma Voyager è un'epifania latente
Voyager è progettato per uno spettatore inconsapevole
Voyager è la comunicazione interdisciplinare per definizione
Voyager è una capsula temporale
Voyager è senza tempo
Voyager è vecchio
Voyager è un incontro in potenza
Voyager ha trasmesso le prime immagini degli anelli di Giove
Voyager non si ferma
Voyager è una trappola
Voyager è una scultura
Voyager celebra lo scarto, la sorpresa e l'errore
Voyager è un'opera d'arte della società della trasparenza

"Voyager Zero" presenta le opere, gli elaborati e i percorsi realizzati dagli studenti del laboratorio di arte diretto da Luca Trevisani, con la collaborazione di Giulia Morucchio e Mario Ciaramitaro, per il corso di laurea in design della moda e arti multimediali diretto da Maria Luisa Frisa.
L'idea di trasformare l'occasione dell'esame in una presentazione pubblica nasce dall'identità del laboratorio stesso: un luogo dove attivare comunicazioni artistiche che hanno bisogno dello spettatore per essere verificate.
Il laboratorio di arte è stato organizzato come ambiente di apprendimento multidisciplinare fatto di stimoli pratici e teorici, di esercizi di isolamento e di concentrazione, alternando lavoro di gruppo a lezioni frontali e a incursioni di ospiti portatori di saperi diversi.
In mostra saranno presentati molti dei lavori sviluppati durante il corso. Le opere hanno come riferimento i messaggi inviati dalla Terra verso lo spazio interstellare attraverso le sonde Voyager, concepiti e progettati per qualunque spettatore inconsapevole e non preparato al loro incontro.
Con i lavori di: Bernadette Piccolo, Carlotta Queirolo, Chiara Cecconello, Daniele de Toni, Elisabetta Rinco, Francesca Monegaglia, Giulia Olivieri, Giulio Testi, Ilaria Favero, Ilaria Roghi, Isabella Marsella, Jessica Yannis, Lisa Varotto, Martina Panfilio, Matilde Borgherini, Michela Baraldi, Riccardo Milanese, Tiziana de Vescovi, Umberto Ghidini